05 Lug 2017
Il nostro corpo è composto per più del 50% di acqua (nello specifico circa il 75% nell’infanzia e circa il 50% nella terza età).
L’acqua rappresenta il veicolo principale di tutte le sostanze e gli elementi vitali nel corpo umano e, benché si possa vivere senza mangiare per lunghi periodi, non si può stare più di 3 giorni senza bere.
Sui media durante il periodo estivo siamo tartassati da spot e consigli che ci parlano di idratazione, di bere almeno due litri di acqua al giorno, di mangiare frutta e verdura che contengono molta acqua, per evitare la sensazione di sete che al momento in cui si manifesta, indica già che il corpo ha già raggiunto un livello di disidratazione, anche se minimo.
Se poi si pratica un’attività sportiva (consigliatissima!!!), si necessita di maggiori quantità di acqua in quanto le cellule dei muscoli ne hanno bisogno per ricevere ossigeno e sostanze nutritive.
Ognuno di noi necessita di una quantità di acqua differente per il proprio organismo, quantità che varia anche in base allo stile di vita e all’età.  In linea di massima si può calcolare la quantità necessaria considerando 30 ml x kg di peso corporeo = ml al giorno.

Come facciamo ad accorgerci che il nostro  corpo richiede acqua?

Partendo dalla considerazione che quando il nostro organismo ci fa avvertire la sensazione di sete ci sta già lanciando un segnale forte e chiaro di disidratazione in corso, ecco qui quali potrebbero essere altri indicatori:
1. Mancanza di concentrazione – circa ¾ del nostro cervello è composto di acqua e se questa viene a mancare non possono essere svolti i normali processi celebrali, con conseguente difficoltà di concentrazione.
2. Ma di testa – hai mai pensato che il mal di testa che ti scoppia all’improvviso potrebbe essere bisogno di idratazione perché il sangue non viene più irrorato a sufficienza e arriva meno ossigeno al cervello? Un bicchiere di acqua potrebbe alleviare il dolore.
3. Urina scura e maleodorante – la necessità di bere di più è indicata anche dal colore e dall’odore delle urine. Può accadere che l’urina appaia più scura e abbia un odore più forte in caso di disidratazione, o dopo aver sudato molto: in questo caso la reintegrazione di liquidi sarà sufficiente per far sì che l’urina riprenda il consueto colore.
4. Crampi muscolari – i crampi muscolari derivano da uno squilibrio elettrolitico. Magnesio, cloruro di sodio e potassio ci aiutano a  reintegrare i liquidi persi con il sudore, soprattutto dopo un’attività fisica. Qualora persistessero bere acqua con aggiunta di magnesio e potassio, quest’ultimo soprattutto durante il periodo estivo.
5. Pelle secca – i liquidi che introduciamo nel nostro corpo, vengono utilizzati in primis per il funzionamento degli organi vitali (cuore, polmoni, cervello, fegato, ecc.) e poi per idratare la pelle. Se non sono sufficienti, la pelle si secca e diventa squamosa e  pruriginosa.
6. Stipsi – una buona idratazione aiuta anche a risolvere i problemi di stitichezza. Se si mangiano cibi ricchi di fibre, come prodotti integrali (consigliatissimi!!!), bisogna bere più acqua in quanto le fibre assorbono i liquidi, si gonfiano e rendono le feci più molli.Ti è mai capitato di avere uno di questi sintomi?
Ora sai quale potrebbe essere la causa…
Bevi, bevi tanto, bevi bene, bevi acqua!
#lacambusaditizi

______

Condividi questo articolo sui tuoi canali social!
Share on Facebook4Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0

Lascia un commento